Polychromos - 111 anni di colore

La nostra matita colorata per artisti Polychromos celebra quest’anno il suo 111° anniversario. Vogliamo portarvi con noi in un viaggio nel tempo: ogni mese vi presentiamo tre colori dell’edizione limitata e allo stesso tempo vi forniamo spunti interessanti sulla storia della famiglia e dell’azienda Faber-Castell.

Concorso creativo 111° anniversario matite colorate per artisti Polychromos

Nel corso della ripresa economica, il Conte Roland von Faber-Castell si dedicò con tenacia al riacquisto di aziende perdute e alla fondazione di filiali in tutto il mondo. Pappagalli esotici ornavano i set del 50° anniversario della Polychromos. Nel frattempo, il figlio di Roland, Anton-Wolfgang, raggiunse nuovi record nel tiro a segno durante le gare scolastiche. Ci sono voluti altri trent' anni per battere il suo record.


Con la scoperta del metallo cadmio nel 1817 da parte del professore Friedrich Stromeyer a Göttingen, i pigmenti del giallo cadmio derivato erano importanti coloranti nel 19 ° e all'inizio del 20 ° secolo. Le sfumature di cadmio contenute nelle moderne matite colorate per artisti Polychromos e Albrecht Dürer sono ottenute da pigmenti organici, tossicologicamente innocui, che hanno proprietà di colore e applicazione simili all'originale.


Quando pensi all'arancio, cosa ti viene in mente? Per molte culture orientali è percepito come una tonalità sacra. Nel mondo occidentale è un colore polarizzante: lo ami o lo odi.

Grazie alla mancanza di puro cloruro di potassio Diesbach scoprì, per caso, il "Berliner Blau" - blu di Prussia. Invece di ottenere un pigmento rosso è nato un colore blu intenso. Con il "Berliner Blau" è stato possibile per la prima volta produrre un pigmento moderno che non si trova in natura. Il suo segreto fu pubblicato nel 1724.

Durante tutta la sua vita, il Conte Roland von Faber-Castell è stato un appassionato di cavalli. In quei tempi turbolenti il film Via col vento raggiunse un record per l'Academy Award con otto vittorie e 13 nomination. Il castello di Stein divenne all'epoca il centro della vita di molti reporter venuti a Norimberga per scrivere sui processi criminali di guerra e sul processo di Norimberga. Vissero nel castello Faber-Castell, che era stato nel frattempo trasformato dagli americani in un campo per la stampa.


Girasoli, campi di grano ondeggianti e notti blu scuro stellate. Questo è ciò che associamo al giallo cromo. Van Gogh lo ha usato ampiamente nei suoi dipinti. A causa dell' uso abbondante del giallo, non poteva permettersi il giallo cadmio venti volte più costoso.


Persino poeti e musicisti tedeschi nel periodo romantico esaltarono il mese primaverile di Maggio per il suo verde lussureggiante. Il color verde Maggio si ispira al colore delle delicate foglie di betulla e faggio a Maggio. Il colore è standardizzato nel sistema tedesco RAL con il numero 6017 ed è oggi per lo più miscelato con pigmenti organici.

William Hooker era un famoso botanico. Molto prima dell'era della fotografia, ha illustrato le piante e il loro fogliame per la famosa Royal Horticultural Society. Nella sua ricerca di sfumature verdi, ha creato un verde opaco che ha ottenuto il suo nome. Chi non sognerebbe un picnic su prati verdi così belli?

Il conte Roland von Faber-Castell amava sciare durante le sue vacanze invernali a St. Moritz. Nel frattempo si iniziava, dall'altra parte del mondo, la costruzione del grattacielo più alto a quell'epoca: l'Empire State Building di New York.


Seppia: il nome scientifico della seppia è l'omonimo per questo colore. Il colore da marrone scuro a grigio nero era ottenuto dalle sacche di inchiostro essiccato di questi animali. Oggi non viene più usato il seppia originale per i materiali artistici.


I conquistatori spagnoli portarono fichi d'india dall'America Centrale e Meridionale verso l'Europa nel XVI secolo. Le piante fornivano non solo frutti buoni da degustare, ma ospitavano anche una moltitudine di insetti. L'intenso colore rosso Carminio usato nelle arti e nei cosmetici era prodotto da queste tipologie di insetti. Oggi vengono utilizzati pigmenti sintetici che hanno una migliore resistenza alla luce rispetto al naturale carminio.

Anche se il blu Parigino e quello Berlinese sono chimicamente identici, non sono uguali. Il cielo blu nella città dell'amore, Parigi, sembra essere un po 'più luminoso del cielo nella vibrante Berlino. Questo si riflette nelle due tonalità di blu.

Questa confezione elegante e colorata riprende lo stile Art Dèco che ha raggiunto il suo apice nel 1925. Sapevate che il 1926 è l'anno di nascita della Regina Elisabetta II e di Marylin Monroe?


Niente è più fastidioso per un artista di una reazione chimica dei colori usati. Il pigmento originale di zinco giallo, poichè tendeva a diventare verdastro ed era nocivo, ha perso il suo utilizzo nel tempo. Oggi la tonalità del colore viene generata da pigmenti organici non tossici, è resistente alla luce ed è molto popolare per la sua brillantezza.


La Contessa Ottilie von Faber ha molto amato questo colore: il viola bluastro. Ha infatti scelto questa tonalità, la sua preferita, per la carta da parati, le tende di seta e i tessuti per l'arredamento. Il viola bluastro era un nome di colore popolare alla fine del secolo e quindi entrò a far parte della collezione di matite colorate per artisti Polychromos.

Primitivo come le montagne e luminoso come un cielo su una cima soleggiata. L'azzurrite naturale è la base di questo fantastico colore, usato frequentemente nei dipinti europei fino al XVIII secolo. Con l'introduzione dei moderni pigmenti blu, come il blu di Prussia, il Mountain Blue ha perso importanza.

La costruzione di un nuovo moderno complesso produttivo a forma di "U" è stata avviata per soddisfare la crescente domanda di prodotti A.W. Faber. Lo sapevate? Questi edifici e la sede produttiva Faber-Castell possono essere visitati per un' esperienza nel mondo Faber-Castell.


In passato gli ingredienti tossici dei colori usati dagli artisti spesso erano letali. Il pigmento tossico rame-arsenico è stato ben presto sostituito. La tonalità di verde brillante e resistente alla luce è prodotta prevalentemente da pigmenti di ftalocianina non tossici con una buona resistenza alla luce.


El Greco, Rembrandt, van Rijn o Van Gogh hanno creato dei capolavori con questo colore: l'umbra bruciata, un pigmento naturale costituito da ossidi di ferro e marrone manganese. Macinato e sinterizzato genera una tonalità di colore marrone scuro.

Il nome del pigmento rosso con una tonalità di colore brunastra è stato menzionato per la prima volta circa 300 anni fa. Lo sapevi che il rosso veneziano è un pigmento sintetico a base di ossido di ferro, prodotto da un processo di sinterizzazione da 700 ° a 800 °?

Nel 1908, il Conte Alexander von Faber-Castell lancia le nuove matite colorate "Polychromos". Suo figlio più giovane, Roland, che a quel tempo ha tre anni, assumerà poi la direzione della società. Quando Alexander viaggiò negli Stati Uniti nel 1909, il New-Yorker Staatszeitung gli conferì il titolo di "Il re delle matite".


Chiaro come il cielo in una fredda e soleggiata mattina d’inverno: la Polychromos azzurra. Nel Medioevo questo colore delicato e leggero si otteneva miscelando il color indigo, il bianco e l’acqua. Non è meraviglioso?


Lo sapevate che l’occhio umano può vedere fino a 60 differenti sfumature di grigio tra il bianco e il nero? Wikipedia descrive il grigio come “un colore più scuro del bianco e più chiaro del nero, ma senza identificare un colore” – noi dissentiamo da questa affermazione: siete d’accordo?

Nell'antica Roma l’ossido di piombo era preparato mediante la calcinazione del bianco di piombo. La trasformazione del bianco di piombo in rosso di piombo si dice fu scoperta durante un incendio nel vecchio porto del Pireo ad Atene quando, barrette di bianco di piombo, bruciarono a più di 480° accidentalmente e la polvere bianca divenne rossa.

Polychromos: una matita colorata molto apprezzata da artisti e creativi illustri, da Karl Lagerfeld a Ferdinand Porsche, preferita senza ombra di dubbio da tutte le persone che amano realizzare disegni a colori. Una matita famosa da ben 111 anni. Per questo straordinario
compleanno abbiamo realizzato qualcosa di veramente speciale: un’edizione limitata celebrativa di questo anniversario. Facciamo un tuffo nel passato per tornare al 1908, anno di “nascita” della Polychromos. È stato il conte Alexander von Faber-Castell ad avere l’idea di questa nuova linea di matite. Il primo problema da affrontare per la produzione di queste matite fu quello di garantire la durata del colore alla luce. Per questo fu necessaria una lunga fase di sperimentazione fino ad ottenere un risultato soddisfacente. Alla fine fu possibile presentare una matita realizzata in legno di cedro con fusto rotondo in un assortimento di 60 colori, dal bianco opaco alle tinte azzurro, rosso saturno e marrone Van Dyck per arrivare al nero d’avorio. E proprio nel passato abbiamo trovato i vecchi cataloghi di questa collezione che presentavano le confezioni di matite con l’illustrazione di un’alba colorata – l’immagine giusta per celebrare l’inizio della nuova era! La linea Polychromos ha soddisfatto tutte le aspettative. Come per la “matita verde Castell” lanciata solo alcuni anni prima, anche questa linea è cresciuta
fino a diventare un classico, ancora oggi annoverato tra i prodotti di punta. Per la nostra edizione celebrativa abbiamo scelto la versione in astuccio di metallo in quattro diverse isure e 36 colori. Un semplice astuccio con prodotti moderni? Certamente no! Anche l’applicazione del
marchio è cambiata nel corso del tempo. Per ricordare la versione storica originale abbiamo ripreso il design del marchio di allora.
Nuovo
Faber-Castell - Astuccio Metallo 12 matite colorate Polychromos 111° ann.
Astuccio Metallo 12 matite colorate Polychromos 111° ann.
€ 25,00
Nuovo
Faber-Castell - Astuccio Metallo 24 matite colorate Polychromos 111° ann.
Astuccio Metallo 24 matite colorate Polychromos 111° ann.
€ 50,00
Nuovo
Faber-Castell - Astuccio Metallo 36 matite colorate Polychromos 111° ann.
Astuccio Metallo 36 matite colorate Polychromos 111° ann.
€ 75,00
Nuovo
Faber-Castell - Astuccio Met. 12 matite colorate Polychromos corte 111° ann.
Astuccio Met. 12 matite colorate Polychromos corte 111° ann.
€ 20,00
Nuove Polychromos edizione anniversario
111 anni di colore: le matite colorate Polychromos godono di una popolarità senza rivali tra tutti coloro che amano creare utilizzando il colore
Riproduci il video